Musicisti e Gruppi InTo The WOOD 2017

Home / Artisti / Musicisti e Gruppi InTo The WOOD 2017

HUGO RACE (Dark Desert Sound)

Hugo Race è un musicista, scrittore, attore e produttore discografico.

Parlare della musica di Hugo Race è molto difficile perché siamo al cospetto di un artista senza compromessi, difficilmente etichettabile in un singolo genere, la cui poliedricità e creatività ne hanno fatto un artista di spessore unico, ma che ha saputo fare dell'essere eclettico il proprio marchio di fabbrica.

Le sue sonorità sono quelle tipiche da colonna sonora, capaci di creare immagini dal nulla. Lo stile minimalista è sicuramente vincente. Brani che lasciano senza fiato.

Ha fatto parte, tra gli altri, del gruppo Nick Cave and the Bad Seeds ed attualmente è il leader degli "Hugo Race and the True Spirit" e dei "Fatalists" e fa parte dei Dirtmusic e Sepiatone.

SYCAMORE AGE ( ArtRock - Psichedelia - Prog. )

Ignorate le origini e le evidenti influenze, dimenticate coloro che hanno già scavato nella loro anima in cerca di ispirazione. La musica dei Sycamore Age è in cerca di spiriti liberi da corrompere. 
Nelle loro mani sembra esserci una sorta di pietra filosofale che permette a pochi artisti di rileggere emozioni antiche rivestendole di nuove emozioni e metafore; un tabulato poetico dove le parole e i suoni hanno senso e corpo.
Le loro creazioni sono istantanee in bianco e nero con infinite sfumature di grigio; contrasti e suggestioni in piena libertà, grazie a una scrittura matura e solida che rende ogni brano profondo ed intenso.
Come in un caleidoscopio, la musica dei Sycamore Age usa timbri e colori osservandoli da un punto di vista inedito e offre nuove prospettive d'ascolto abili nel suggestionare più di una sensibilità.

ISAK SUZZI feat Andrea Giovacchini (Hill-country Dark-blues / Guitar & Violin)

La musica del giovane Isak Suzzi si immerge nell'hill-country delle aperte praterie per poi far ritorno nel tepore intimistico del dark-blues e delle ballate notturne.
Attraverso sospiri ermetici e ritmi incalzanti, questa metonimia di chitarra e voce da origine a un genere del tutto personale che evoca le memorie di una natura ormai perduta e i frammenti di un'era post-apocalittica.
Una musica romantica che si infrange al vento del crepuscolo e si risveglia nella quiete dell'alba.
Una musica prorompente in cui la miseria morale dell'uomo viene estirpata dalla sublime potenza della natura.
La volontà di risorgere è ciò che ci distingue

Isak Suzzi: chitarra - voce – cuore  *  Feat.  Andrea Giovacchini: violino

RICKSON (Indie Rock)

"CHI TI AIUTERA' " 
E' il primo album dei Rickson.
Il titolo è formato da tre parole senza punteggiatura. 
E' una domanda ma allo stesso tempo anche un'affermazione, uno stimolo per trovare soluzioni alle tempeste quotidiane che ci scompensano la vita. E' un disco diretto, che parla di vita ma anche di morte, di problemi sociali, personali e sentimentali, ma in ogni storia regna sempre la speranza, che è la sensazione e il mood che predomina nelle loro vite, in quello che hanno da dire e nel modo in cui affrontano le "cose".
E' un disco sentito, che non vuole insegnare nulla a nessuno, ma vuole raccontare qualcosa, vuole solamente rispecchiare loro stessi per non nasconderli più e liberarli. 
E' sbocciato suonando, dalla voglia di creare qualcosa di personale, qualcosa che sentivano di dover raccontare. 
La produzione è stata frutto di un processo in isolamento, un "passo dopo passo", che ha messo al centro la musica, le melodie e le vibrazioni che sentivano suonando. 
Ci sono tante chitarre distorte, ma hanno anche colorato il sound con altre atmosfere, dal synth pop alla ballata nata in intimità con il pianoforte, con molti sprazzi di psichedelia e di musica anni 60/70, per dare sfogo alla creatività cercando il suono adatto ad accompagnare e sostenere quello che avevano da dire.
E' un disco da ascoltare tutto d’un fiato, da metabolizzare, perché le tracce che lo compongono sono intimiste e intimamente legate tra di loro.

CONNY OCHS (Acoustic Rock)

Dopo l'uscita del suo ultimo lavoro solista, Future Fables, torna in Italia Conny Ochs, cantautore di origine germanica, con l'America negli occhi.
Conny é stato definito “un menestrello doom”, il suo genere é stato chiamato “dark - folk”, la sua una “spiritual voice”.
FUTURE FABLES é un disco dalle sonoritá piú pulite e melodiche rispetto ai precedenti.
Un' apertura solo superficiale peró, che si scontra con la crudezza dei testi e la ruviditá della sua interpretazione. Un paradosso che rende il disco ancora speciale e allo stesso tempo reale, quotidiano. Il live resta un occasione imperdibile per godersi un concerto come pochi se ne vedono: semplice, viscerale, autentico.
Conny Ochs è un cantautore che sa raccontare, che possiede la capacità di entrare nella sfera più intima dell'ascoltatore con forza.

sound(e)scapes (piano & electronic duo)

E' la fusione tra la dolcezza infinita di un pianoforte suonato da Glen - che con i suoi capelli rossi e il suo viso elfico farà entrare tutti in una fiaba - e l'elettronica e i sampler di Fabio che gli daranno quel giusto tocco di pathos.

Al contrario di arrangiamenti ricchissimi e ridondanti, il suono che "fugge" per arrivare alla nostra anima è pulito, empatico, legnoso nel senso nobile del termine. Esalta qualcosa di ancestrale, che appartiene ad altre ere e a volte gioca con gli angoli oscuri della nostra anima, generando un caleidoscopio di emozioni. 

Glenda Fappiano_ pianoforte e voce Fabio Conti_synth & electronics Daniela Moroncelli_violoncello

 

 

KINO live (electronic)

KINO è il mondo sonoro creato dal musicista e produttore Marco Kino Capelli.
Nasce a Riccione, respirando l’aria della musica dance della riviera ma crescendo con una forte attitudine rock, che lo porterà a diventare batterista professionista. Nel 2006, Bologna diventa la sua seconda casa, dove consolidare il suo rapporto viscerale con la musica. Qui coltiva e porta a termine gli studi di Musicoterapia, ed incrementa la sua attività live prendendo spazio dietro le pelli di diversi progetti, con i quali calca i palchi dei più importanti live club di tutta Italia e d’Europa.
Nel tempo, l’esigenza di ritagliarsi uno spazio nel panorama musicale cresce sempre di più, portandolo ad una profonda ricerca del proprio suono, capace di tradurre il suo mondo in musica.
Tornato in romagna, inizia la collaborazione con alcuni dei migliori dj e produttori della scena dance italiana ed internazionale, trovando nella musica elettronica, lo spazio perfetto dove convergere le sue numerose influenze. Questo percorso sfocia alcuni anni dopo nel suo ambizioso progetto KINO.
Un mondo che unisce le sonorità potenti e psichedeliche del rock con le atmosfere sperimentali dell’elettronica. Nel Marzo 2016 esce il suo primo ep “Together”, disponibile sulle principali piattaforme online (itunes, deezer, spotify…)

Luce, colori, ricerca e intensità. Questi gli ingredienti del live set di KINO, che Sabato pomeriggio sarà la colonna sonora dal vivo dei laboratori, attraverso un'improvvisazione tutta elettronica

 
 

Rispondi